Bill Bryson – America Perduta

bill bryson america perduta

“America Perduta” di Bill Bryson

In questi giorni sono un po’ latitante: mi trovo a Roma, dalla mia famiglia. Tra una lasagna e l’altra, purtroppo (o per fortuna?) non ho molto tempo per aggiornare il blog. Nel frattempo, vorrei consigliarvi questo divertentissimo libro di viaggio, finito qualche settimana fa.  È il primo romanzo che leggo dello scrittore americano Bill Bryson, ma sicuramente non sarà l’ultimo. Vi lascio la mia recensione di “America Perduta”, sperando che vi piaccia.

Questa non è l’America che vi aspettate. In “America Perduta” ci sono i grandi luoghi famosi e turistici ma non sono i protagonisti. I protagonisti, d’altro canto, sono le piccole cittadine sconosciute, i memoriali sperduti, i motel in mezzo al nulla, i ristoranti dal cibo scadente, le stazioni di servizio che vendono dolciumi fino a tarda notte, le cameriere troppo gentile quasi invadenti.

Bryson torna nel suo stato natale Iowa dopo tanti anni vissuti in Regno Unito, per riscoprire il suo paese natio e per viaggiare in lungo e largo, dal nord al sud, dall’est all’ovest. Con la sua fida e vecchia Chevrolet, Bryson percorre ben 22.500 km, narrando ogni singolo momento con ironia e leggerezza. Lo scrittore descrive i personaggi incontrati nel suo percorso in maniera pungente ed esilarante, con il pizzico di snobismo tipico di chi ha fatto fortuna altrove e torna a casa dopo molti anni.

Proprio su questo punto vorrei soffermarmi: Bryson, soprattutto all’inizio del romanzo, descrive quasi con astio il suo paese natale, come se questo viaggio fosse qualcosa di forzato e poco gradito. Andando avanti, lo scrittore demolisce in maniera ironica tanti suoi pregiudizi (“Sono nel sud da un’ora e ancora non mi hanno sparato“), attraversa le città pittoresche del sud, guida tra le strade panoramiche e tra quelle un po’ meno belle (“Le strade contrassegnate come panoramiche, nel sud-est dell’Iowa, sono un po’ come le spiagge del Polo Nord. Bisogna essere un po’ elastici. Se le si paragona a un interi pomeriggio passato in una stanza buia e chiusa, non sono male.“), ammira le Montagne Rocciose, si stupisce davanti al Gran Canyon, va a trovare vecchi amici e parenti prendendosi una bella sbronza e infine torna a casa, a Des Moines nell’Iowa, felice e soddisfatto, triste di dover lasciare questa parte di mondo. Il libro trapela di una sorta di conflitto interiore sugli Stati Uniti e sul suo Iowa. Alla fine, dopo tanto girare, c’è quasi una riconciliazione con se stesso e con il paese natale. Questo sentimento mi ha fatto riflettere, è la stessa identica cosa che succede a noi espatriati: più siamo lontani e più amiamo casa nostra nel profondo. Nessun luogo, per quanto possiamo amarlo o meno, avrà mai lo stesso sapore.

Inutile dire che vi consiglio questa lettura. Tra l’altro, neanche a farlo apposta, ho letto questo reportage di viaggio durante le elezioni americane. Alcune descrizioni di luoghi e situazioni sociali hanno assunto tutto un altro significato con il senno di poi.

Avete mai letto questo libro o qualsiasi altro romanzo di Bryson? Aspetto i vostri pareri!

Annunci

11 pensieri su “Bill Bryson – America Perduta

  1. Adoro Bill Bryson! Ti consiglio di non lasciarti fuggire, tra tutti i suoi scritti, “in un paese bruciato dal sole. Australia” e “breve storia di (quasi) tutto”.
    Mentre sul tema contraddizioni americane un evergreen molto interessante di Zucconi “l’aquila e il pollo fritto”.

    Mi piace

  2. Anche io ho conosciuto Bill Bryson grazie a questo libro, mi era piaciuto moltissimo! 🙂
    È uno spaccato d’America veramente autentico, che come giustamente dici tu aiuta a mettere in prospettiva anche molti eventi attuali.

    Mi piace

  3. Azz…fra una lasagna e l’altra, eh! 😛
    Io invece ho letto “Una passeggiata nei boschi” e sto ancora aspettando di incontrare nella vita reale un personaggio come la tipa molesta e perfettina (l’escursionista sottuttoio) che incontrano nel bosco. Ucciderei per bullizzarla 😀
    A presto!

    Mi piace

  4. Io ho letto “una città o l’altra” , il suo racconto di viaggio in giro per l’Europa ma ho comprato anche America Perduta e sono molto molto curiosa di leggerlo! Adoro gli stati uniti e scoprirli attraverso la penna di uno scrittore così brillante mi fa entusiasmare non poco! 😀

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...